Protagonisti della Riforestazione Partecipativa

Cos’è la riforestazione partecipativa? A cosa serve? E perché noi di Environomica l’abbiamo scelta come strategia per promuovere gli sforzi di rimboschimento nella Sierra Nevada de Santa Marta? Cercheremo di spiegare tutto in quest’articolo.

Con oltre 27.000 specie di piante, quasi 2.000 specie di uccelli, 1.437 di pesci d’acqua dolce, 763 di anfibi, 524 di rettili e 479 specie di mammiferi, la Colombia è uno dei paesi più biodiversi al mondo. La concentrazione di specie vegetali e animali raggiunge uno dei suoi livelli più alti nella Sierra Nevada de Santa Marta, dove dall’inizio del 2015 siamo attivi con il programma SFEC.

Narcotraffico, pratiche agricole e allevamenti incontrollati, bracconaggio e disboscamento sono tra le principali cause della deforestazione che negli ultimi decenni ha colpito la regione della Sierra Nevada. È per questo motivo che con Environomica siamo oggi presenti sul campo, con l’obiettivo di proteggere questi preziosi e vulnerabili ecosistemi forestali ed inertire il processo di deforestazione.

nursery1-2


Perché riforestare?

Il rimboschimento della Sierra Nevada svolge un ruolo chiave nel mantenimento di un ambiente più sicuro all’interno di questa preziosa bioregione. Contribuisce a compensare le emissioni di CO2 che tutti noi produciamo. Mitiga e promuove l’adattamento al cambiamento climatico. Mantiene un habitat salubre in grado di nutrire moltissime specie, tra cui gli esseri umani tanto delle comunità locali quanto globale. In aggiunta, ampliare e conservare la copertura forestale aiuterà a combattere l’inquinamento, a controllare la perdita di suolo per erosione ed a garantire la produzione stabile di acqua dolce per gli anni a venire.

Di fronte ai pericoli della deforestazione, negli ultimi decenni si sono mobilitate numerose organizzazioni non governative, movimenti della società civile ed individui. Anche gli stessi governi hanno iniziato a dedicarsi a progetti di conservazione ambientale, sempre più coscienti dell’importanza che questi delicati ecosistemi rivestono.

Quello che stiamo proponendo non è più la “semplice” riforestazione…

L’innovazione che stiamo promuovendo con Environomica risiede nel metodo: riforestare con un approccio “partecipativo”, che implica il coinvolgimento attivo tanto delle comunità locali nella riqualificazione ambientale, quanto di attori regionali e turisti da tutto il mondo nell’opera di piantumazione. Con questa chiara visione in mente e grazie al finanziamento accordato al programma dalla Fondazione WWF Italia, stiamo coinvolgendo campesinos, donne e uomini indigeni, abitanti dei villaggi limitrofi, bambini, istituzioni, visitanti e volontari nel processo di ripristino e conservazione della Sierra.

Ci sono almeno tre motivi che noi di Environomica poniamo alla base di questa scelta. Tre motivi per cui crediamo che sia necessario il coinvolgimento attivo di tutti nel processo di riforestazione.

1. Da beneficiari a protagonisti

Partecipando attivamente al processo di riforestazione, gli attori locali cessano di essere semplici “beneficiari” del progetto e diventano “protagonisti”, corresponsabili del successo del progetto stesso. Quando il valore viene “creato”, e non semplicemente “ricevuto”, inizia a far parte dell’essenza del luogo, ed il cambiamento che ne deriva è interno e vissuto. Riforestare in modo partecipativo non vuol dire semplicemente coinvolgere la gente del luodo in azioni prestabilite, ma renderla protagonista del processo di decisione e creazione di valore.

2. Cambio culturale ed esempio per il resto delle comunità

A livello socio-economico la riforestazione tende a migliorare il benessere della comunità locale, aumentando la capacità produttiva e la generazione di reddito. Quando una comunità vive in prima persona non solo i benefici individuali e collettivi della riforestazione, ma anche gli sforzi che questa ha comportato, comincia un cambio di paradigma. Donne e uomini iniziano a valorizzare gli sforzi compiuti perché potranno utilizzare in modo redditizio le risorse del sito di rimboschimento, attraverso attività di raccolta e turismo sostenibili. Questo processo ha un potenziale moltiplicatore impressionante, dal momento in cui altre comunità limitrofe potranno immediatamente apprezzare tutti i benefici generati dal programma.

3. Scommessa sulla nuova generazione e sostenibilità

Nel processo di riforestazione partecipativa stiamo investendo sforzi e risorse sull’inclusione delle scuole locali e dei più giovani visitatori della Sierra, poiché crediamo che in questo modo la nuova generazione sarà sempre più in grado di valorizzare e rafforzare le proprie capacità nella gestione, utilizzo e godimento delle numerose risorse forestali. Come ha saggiamente affermato un responsabile dell’Agenzia italiana per la Cooperazione allo Sviluppo, “sostenibilità” è prima di tutto “un’apertura al mondo e alle future generazioni”.

Con Environomica, vogliamo gettare le basi affinché sia le comunità coinvolte nel programma sia il turismo nella regione sviluppino una nuova percezione degli ambienti naturali che li circondano e diventino promotori del cambiamento sociale e culturale, che sarà d’inspirazione per molte altre realtà.

nursery2